di Salvatore Sfrecola

Era inevitabile che la morte ed i funerali del Principe Vittorio Emanuele di Savoia fossero l’occasione per giornali e televisioni per dire della personalità del figlio “dell’ultimo Re d’Italia”, come si è letto e sentito, ma anche per divagazioni sulla storia e sulle “responsabilità” della Casata almeno nel corso della prima metà del XX secolo. I temi sono stati sempre gli stessi ed hanno riguardato il Re Vittorio Emanuele III, l’affidamento dell’incarico di formare il Governo a Benito Mussolini nell’ottobre del 1922, la promulgazione delle leggi razziali nel 1938, l’entrata in guerra e la gestione del dopo armistizio annunciato l’8 settembre 1943. Argomenti di peso, come s’intende, del quale si è scritto e sentito di tutto, spesso sulla base di “idee” di parte se non di autentici pregiudizi. Per cui una buona informazione non può prescindere quanto meno dal confronto delle posizioni, anche per consentire al lettore o al telespettatore di farsi un’idea “sine ira ac studio”, come chiedeva Tacito a chi intendesse avventurarsi nei sentieri impervi della storia. Perché, aggiungerà più tardi Benedetto Croce a proposito de “la storicità di un libro di storia”, “l’esattezza è un dovere morale”, un imperativo imprescindibile per chi racconta un fatto che “non è da giudicare secondo che più o meno scuota l’immaginazione, e riesca commovente, eccitante, esemplare, o anche curioso e divertente, perché questi effetti si ottengono parimenti da drammi e romanzi”.

Tanto premesso, come scriviamo nelle comparse di costituzione noi giuristi, applicando i principi enunciati, non pochi giornali e televisioni hanno dimostrato di non ricordare Tacito e Croce costruendo narrazioni dei fatti prima richiamati ed addebitati a Vittorio Emanuele III affidandoli a chi era notoriamente schierato, e questo va bene, ma senza assicurare la “parità delle armi”, cioè mettendo i partecipanti all’approfondimento o al dibattito in una condizione di parità. Che non c’è stata, ad esempio, ieri sera a “Stasera Italia”, la trasmissione condotta su Rete4 da Sabrina Scampini, una brava giornalista che, tuttavia, in questa occasione ha avuto dinanzi un parterre assolutamente squilibrato sul piano delle idee, perché a parlare del Principe e di Casa Savoia sono stati chiamati ad intervenire, da remoto, Antonio Caprarica, Giordano Bruno Guerri e Alessandro Sacchi mentre in studio Stefano Zurlo riceveva dalla conduttrice sollecitazioni a definire argomenti ed a dare la sua interpretazione.

È stato immediatamente evidente che ad Alessandro Sacchi, avvocato civilista napoletano, chiamato in qualità di Presidente dell’Unione Monarchica Italiana (U.M.I.), era stato destinato il ruolo biblico, particolarmente scomodo, del Daniele in mezzo ai leoni, tanto per far capire lo squilibrio in campo. Perché Caprarica, noto corrispondente e inviato RAI, è stato comunista e, giustamente non se ne pente, Guerri è immerso nella storia del Fascismo, cominciando dalla tesi di laurea su Bottai, e Zurlo scrive per Il Giornale, vicino alla destra di governo. Tutti e tre sono personaggi televisivi, di vecchia data Caprarica e Guerri, più di recente Zurlo, giornalista d’inchiesta.

È evidente lo squilibrio nel dibattito, non solo perché i tre erano sostanzialmente schierati contro Sacchi ma perché il tempo assegnato agli interventi è stato governato in modo che il “monarchico” non potesse argomentare e spesso neppure replicare ai “repubblicani”.

Cominciamo da Caprarica e da Guerri, espressione di due culture ferocemente antimonarchiche, anche se il corrispondente RAI da Londra ha saputo apprezzare, e ne ha scritto, in un buon libro su Carlo III, il “fascino della monarchia”, lui “fieramente repubblicano”. È accaduto spesso nella storia che un repubblicano, spesso per tradizioni familiari, fosse affascinato dalla storia di una dinastia che incarna l’identità di un popolo come si è andata formando nei secoli. Magari solo all’incontro con una personalità regale, il Principe Carlo per Caprarica, la Regina Margherita di Savoia per Giosuè Carducci. Senza che il richiamo sembri equiparare il giornalista e scrittore al poeta, scrittore e critico letterario, premio Nobel per la letteratura, il primo italiano ad esserne insignito, nel 1906.

Guerri, giornalista e scrittore, una laurea in lettere moderne con indirizzo in storia contemporanea, è inserito in quella cultura “di destra” che mi ha sempre lasciato molto perplesso perché assume che vi possano convivere liberalismo e fascismo, a mio modo di vedere assolutamente incompatibili. E ne dà dimostrazione Vittorio Emanuele Orlando “il Presidente della Vittoria”, il fondatore della scuola del diritto pubblico italiano, liberale, che, rieletto deputato nel 1924 dopo aver guardato con qualche interesse il Governo Mussolini si dimette da parlamentare all’indomani del famoso discorso del 3 gennaio 1925 sul delitto Matteotti. Un riferimento che mi consente di chiarire a Caprarica e a Guerri una cosa che se non dovessero tenere la propria parte di “arcirepubblicani” condividerebbero: il conferimento dell’incarico di formare il Governo a Benito Mussolini fu una necessità da parte del Re che aveva ricevuto il rifiuto di Giolitti, Sturzo e Turati di formare o appoggiare un governo. Inoltre, va ricordato, cosa che viene costantemente trascurata, che il Governo Mussolini, del quale facevano parte anche esponenti liberali e cattolici, ebbe la fiducia della Camera. E se successivamente il Fascismo al potere ha alterato le regole della democrazia statutaria questo è stato possibile anche perché l’opposizione si è rifugiata in uno sterile Aventino impedendo al Re, che lo aveva ripetutamente richiesto, quel “fatto parlamentare” che gli avrebbe consentito di congedare il Duce, come avrebbe fatto il 25 luglio 1943 dopo il voto del Gran Consiglio del Fascismo, l’occasione giuridica per cambiare governo. Soluzione alla quale il Sovrano da tempo lavorava attraverso il Duca d’Acquarone.

Quanto, poi, alla tesi di Guerri che il Fascismo fu agevolato dal non aver il Re firmato il decreto sullo “stato d’assedio” delle due l’una. O i fascisti erano tanti e agguerriti, per cui serviva effettivamente lo stato d’assedio o erano uno sparuto gruppo di facinorosi che sarebbe stato sufficiente disperdere con qualche colpo di cannone. In questo caso evidentemente il decreto non serviva. E comunque, come avrebbe certamente detto l’avv. Sacchi, al quale ho sentito ricordare la cosa altra volta, un Governo dimissionario, come quello dell’on. Facta, non può assumere un provvedimento di straordinaria amministrazione come lo stato d’assedio.

In ogni caso, il Governo Mussolini ha avuto la fiducia della Camera.

Venendo, poi, al secondo tema del dibattito, l’accusa al Re di aver promulgato le leggi razziali, se gli fosse stato consentito l’Avv. Sacchi, il quale aveva, del tutto inascoltato, che la promulgazione era un atto dovuto, certamente avrebbe segnalato che anche nella costituzione repubblicana se il Presidente ritiene di rinviare alle Camere una legge perché, ad esempio, introduca norme di dubbia legalità, una volta che venga nuovamente approvata “questa deve essere promulgata” (art. 74, comma 2).

Quanto, poi, all’argomento ricorrente, ma non richiamato ieri, che il Re avrebbe potuto abdicare per non promulgare le leggi razziali, è evidente che tale decisione avrebbe portato alla costituzione, cinque anni prima, della Repubblica Sociale Italiana. Infatti, tra le riforme eversive dello Statuto albertino era stata attribuita al Gran Consiglio del Fascismo la funzione di esprimere il consenso sulla successione al trono, che non sarebbe stato dato nei confronti del Principe Umberto, notoriamente contrario al regime come la moglie, la Principessa Maria Josè, spiata dalla polizia politica fascista per i rapporti che intratteneva con esponenti antifascisti, dal cattolico Gonella al liberale Croce.

E veniamo all’8 settembre, tema sul quale si è avventurato imprudentemente Zurlo in quale ha parlato di “fuga” del Re, tema caro alla propaganda fascista durante la Repubblica Sociale, ripreso al tempo del referendum istituzionale del 2 giugno 1946. È evidente a tutti, tranne a chi non vuol vedere, che il Re, come ha riconosciuto correttamente il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, avrebbe dovuto lasciare Roma per poter ancora esercitare le sue funzioni di Capo dello Stato. E che Roma era una città assolutamente indifendibile sul piano militare, a meno di accettare che divenisse la Stalingrado d’Italia e, pertanto, distrutta nei suoi monumenti millenari. Immaginate per un momento: gli italiani sparano sui tedeschi che si difendono casa per casa mentre americani e inglesi, ormai nostri alleati, bombardano le posizioni nemiche. Sarebbe stato un delitto contro la storia che, se fosse rimasto a Roma, al Re sarebbe stata irrimediabilmente addebitata.

Sull’8 settembre i fascisti ed i loro simpatizzanti hanno detto molto, della “fuga” del Re e della disorganizzazione che ha messo in difficoltà i nostri militari ovunque dislocati, spesso senz’armi adeguate. Dell’armamento delle nostre Forze Armate si sa che non era assolutamente adeguato alla guerra nella quale il Duce aveva condotto il popolo italiano. I fanti avevano il fucile 91 (che vuol dire 1891) e pochissime armi moderne. Tutte le cronache e i filmati dell’epoca lo dimostrano. I vertici militari avevano rappresentato al Duce questa situazione, ma il Caporale che si era fatto Primo Maresciallo dell’Impero pensava di saperne di più. E che comunque aveva un buon alleato

Né sarebbe stato possibile avvertire tutti dell’intervenuto armistizio in modo esplicito. Qualunque telegramma o fonogramma, anche un ordine trasmesso per piccione, lo avrebbero conosciuto i tedeschi, coadiuvati dai fascisti duri e puri, molto prima dei comandanti italiani.

La responsabilità è di chi ci ha portato a combattere una guerra che per l’Italia non rivestiva interesse alcuno ed alla quale notoriamente il Re era contrario, come risulta anche dai diari degli aiutanti di campo del Sovrano e del genero del Duce, Galeazzo Ciano, che ha annotato tutti i casi nei quali è mancata ai nostri soldati la leale collaborazione dell’alleato tedesco. Per non dire dell’esercito impreparato, come aveva dimostrato in Etiopia e Spagna.

All’Avv. Sacchi sono stati riservati spazi limitati. C’erano altre persone con me ad assistere, non certamente di parte monarchica, ed erano fortemente disturbate dalla conduzione del dibattito. Eppure, l’Unione Monarchica meritava rispetto, per essere espressione di una minoranza, ma anche per la sua dignità come associazione che, come si legge nel sito dell’U.M.I., è stata istituita, sono le parole del Re Umberto, “per raccogliere e e guidare tutti i monarchici, senza esclusioni, al fine di ricomporre in sé quella concordia discors che è una delle ragioni d’essere della Monarchia e condizione di ogni progresso politico e sociale. Suo compito non è la partecipazione diretta alla lotta politica dei partiti, ma la affermazione e la difesa degli ideali supremi di Patria e libertà che la mia casa rappresenta”.

Da ultimo non si può fare a meno di ricordare, a proposito della “fuga” del Re che tutti i sovrani dei paesi occupati dai tedeschi li hanno lasciati per trasferirsi in Inghilterra, a Londra, per attivare da lì la lotta di liberazione. Di nessuno di quei sovrani si è detto che sia fuggito. A fuggire, per rispetto della verità storica, è stato il Duce, riparato in un carro tedesco, vestito da tedesco. Giustissimo il desiderio di salvare la pelle, ma almeno i suoi seguaci di allora e di oggi potrebbero fare a meno di criticare il Re che ha lasciato Roma con molti membri del Governo vestito della sua uniforme, quindi riconoscibilissimo, per continuare ad assicurare la continuità dello Stato, come ha riconosciuto il Presidente Ciampi.

Del Duce si potrebbe anche dire quel che il Generale De Gaulle ha detto di Napoleone (absit iniuria verbis) per la Francia, che ha lasciato l’Italia più piccola di come l’aveva trovata.

Infine, sia Caprarica che Guerri non hanno saputo dire altro che delle banalità in ordine alle monarchie del nostro tempo che in Europa sono al vertice di stati democratici e prosperi. La verità è che sottraendo il capo dello stato alla lotta politica ed alla contrapposizione dei partiti il cittadino si sente più libero di votare e di scegliere, magari passando con disinvoltura da destra a sinistra e viceversa, nella consapevolezza che lo stato non è in discussione, quello stato, meglio quella nazione del quale il monarca rappresenta la storia e l’identità che lo connotano nel tempo. A volte assicurando l’unità rispetto alle tendenze centrifughe, come nella Spagna squassata dalla rivolta dei baschi e oggi messa in forse dal malessere dei catalani, o in Belgio dove fiamminghi e valloni convivono con qualche difficoltà solo grazie alla monarchia.

Rinvio, per carità di Patria, ogni considerazione finale sull’Italia, tra premierato (che non ha nessuno, e forse vuol dire qualcosa) ed autonomia “differenziata”, che sta scatenando la rivolta del Sud, da troppo tempo trascurato e condizionato da ambienti malavitosi, da dove, quasi disparatamente, si levano voci neoborboniche, nonostante in quelle terre non ci fosse spazio per una monarchia “rappresentativa” come quella alla quale diede vita il 4 marzo 1848 il Re Carlo Alberto di Savoia con lo Statuto che richiama il suo nome.

Ad onor del vero!

L’Unione Monarchica Italiana ricorda con affetto gli italiani istriani, fiumani e dalmati vittime della ferocia del comunismo iugoslavo

Nel “Giorno del ricordo” l’Unione Monarchia Italiana (U.M.I.) si stringe con affetto agli italiani istriani, fiumani e dalmati costretti ad abbandonare terre italiane da secoli e, in particolare, rivolge un deferente pensiero alle vittime delle foibe, espressione della feroce pulizia etnica attuata dal comunismo iugoslavo. Nel ricordo di quegli italiani, ed in collaborazione con i loro discendenti, i monarchici italiani sono impegnati a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli italiani dell’Istria, di Fiume e delle coste dalmate il cui contributo allo sviluppo sociale e culturale dei territori della costa nord-orientale adriatica è parte fondamentale della nostra identità nazionale.

Roma, 10.02.2024

Il Presidente Nazionale

Avv. Alessandro Sacchi

In morte di Vittorio Emanuele di Savoia

L’Unione Monarchica Italiana (U.M.I.) rivolge un pensiero affettuoso alla Famiglia Savoia in occasione del decesso del Principe Vittorio Emanuele, figlio del Re Umberto II, costretto, ancora bambino, a lasciare l’amata Italia per un esilio che nessun paese civile ha mai adottato.

I monarchici italiani, e quanti hanno nel cuore la Patria nata dal Risorgimento, si stringono ai familiari nel ricordo del Principe sabaudo.

Roma,03.02.2024

Il Presidente Nazionale

Avv. Alessandro Sacchi

di Giulia Venini

( tratto da: Monarchie sulla bilancia | magzine)

All’indomani della successione di Frederik X al trono di Danimarca, tra accuse di ancien régime e folle acclamanti, proviamo a dare un’occhiata alla situazione della monarchia in Europa.

La Danimarca ha un nuovo re. Si chiama Frederik. Ha cinquantacinque anni ed è stato principe ereditario fino al 14 gennaio, quando la madre, Margrethe II, ha ufficialmente abdicato al trono. Come Elisabetta II discende dalla “nonna d’Europa” Vittoria del Regno Unito, ed è dunque imparentato con le grandi famiglie nobiliari del vecchio continente: Windsor (ex Sassonia-Coburgo-Gotha), Borbone, Romanov, Hohenzollern, Glücksburg. Ha servito nell’esercito e trovato la sua regina in Australia, durante le Olimpiadi del Duemila. Lei è Mary, come centinaia di regine nella storia europea. Affacciati dal balcone del palazzo di Christiansborg, i membri della Firm danese salutano i volti di quegli 80% di consensi che rendono l’antichissima monarchia degli Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg una delle più popolari d’Europa.

Il foraggiamento alla casa reale

Per esistere e perdurare, una monarchia ha bisogno di sussidi. Risale a un anno fa il declassamento a cui la regina Margrethe ha sottoposto gli eredi del suo secondogenito Joachim, che da principi sono diventati conti, per sfoltire la monarchia e snellire i costi. Nel 2016 Margrethe ha pure disposto che, da adulto, solo il primogenito della coppia reale Christian sarà destinatario l’appannaggio statale.  Secondo il rendiconto civile dello Stato della Danimarca, che norma il foraggiamento alla casa reale, dall’1 aprile 2023 lo stipendio della regina ammontava a 7,595,369,00 Corone danesi al mese, che corrispondono pressoché a un milione Euro. Era inoltre previsto un sussidio di 1,869,573 corone, ovvero di circa 250,000 Euro destinato all’ex principe ereditario Federico. Joachim percepiva invece un assegno mensile di 44,000 Euro. Per metterla in prospettiva, i reali inglesi, secondo quanto riportato dal Sovereign Grant, ovvero la somma che il governo versa ai Windsor, hanno percepito nel biennio 2022-2023 oltre cento milioni di Euro (86 milioni di sterline). Da un primo confronto si capisce la ragione per cui in molti hanno finora definito la monarchia di Copenhagen “minimalista”. Come riportato da un’indagine dello scorso anno condotta dal quotidiano danese Berlingske, circa il 52% dei cittadini pensa che la regina sia pagata correttamente o sottopagata, e il 30% ritiene che i sussidi siano troppo alti. Si attende ora di capire se ci sarà un cambio di rotta col regno di Frederik, ma è probabile una maggiorazione, visto che il re e la regina hanno quattro figli, tra cui tre minorenni. 

Ma quanto costano le repubbliche?

La dotazione annuale prevista per il Quirinale nel bilancio statale è di 224 milioni di Euro per il biennio 2022-2023 (dati Sole24Ore), cifra che aumenterà di 6 milioni del 2025. L’indennità di cui beneficia il capo dello Stato è invece di 240 mila euro. Numeri simili vengono riportati anche nella pagina web dell’Unione Monarchica Italiana. Nonostante non siano aggiornati, perché risalenti alla presidenza di Napolitano e Sarkozy, i dati, che confrontano le spese delle tre presidenze del consiglio (è incluso anche Ciampi), con quelle affrontate dalla regina Elisabetta, mostrano una situazione non molto diversa dall’attuale. In entrambi i casi la monarchia, nella fattispecie inglese, risulta essere meno costosa.

Il grafico rappresenta i numeri dei bilanci resi disponibili ad oggi dalle istituzioni monarchiche e dal palazzo del Quirinale. I 123,000,000 inseriti per indicare il costo dell’Eliseo sono in realtà incerti. Le fonti ufficiali riportano infatti una cifra che si attesta tra i 123,000,000 e i 127,0000 milioni di Euro.

Italia e monarchia

“L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”, recita l’Articolo 1 della Costituzione. Ma all’interno del nostro Paese è viva e vegeta una fetta non esigua di monarchici seguaci della famiglia che, se il referendum del 2 giugno del 1946 fosse andato diversamente, sarebbe a capo dello Stato, ovvero quella dei Savoia. A capo della dinastia si trova tuttora il principe Aimone di Savoia-Aosta, imprenditore e figlio del duca Amedeo, che gode di una certa popolarità tra i monarchici italiani. «Aimone è una persona degnissima. Se il suo talento fosse stato solo il cognome, gli avrebbero dato uno stipendio per rispondere al telefono. Ma è diventato un uomo talentuoso, ai vertici di una grande società» commenta Alessandro Sacchipresidente dell’Unione Monarchica Italiana. L’associazione, come dichiarato nella pagina web,  “rispecchiava allora – e rispecchia anche oggi – l’esigenza di raccogliere quanti fra gli italiani si sentivano e si sentono istituzionalmente monarchici e ciò indipendentemente dalle singole opinioni politiche e schieramenti elettorali.”

Alessandro Sacchi nel 2012 al XII congresso dell’Unione Monarchica Italiana.

«Nel vedere le immagini dell’incoronazione di Frederik, ho pensato alla vecchia Lancia Aurelia che ha attraversato Roma deserta nell’indifferenza del popolo in occasione degli ultimi presidenti che si sono avvicendati in Quirinale» dice Sacchi. «Invece, dove c’è l’istituto monarchico vi è una maggiore salvaguardia del principio di nazionalità, ovvero della consapevolezza di appartenere a una distinta comunità nazionale. Nelle repubbliche il concetto è più sbiadito». La protezione di questo principio deriva dalla terzietà che solo il re sarebbe in grado di garantire: «In Europa, dove ci sono le monarchie parlamentari, il potere arbitrale, di figura al vertice del meccanismo istituzionale di una democrazia parlamentare, è esercitato da un personaggio strutturalmente e storicamente e fisicamente terzo, rispetto al dibattito e alla dialettica che ha visto negli anni in cui non era capo dello stato». Una persona che dunque è, prima di tutto, fuori da qualsiasi corrente e dialettica politica. Nel caso dei presidenti della Repubblica, «ci vuole fantasia con un uomo politico che per anni ha militato in una parte politica. Egli resetta la sua ideologia e diventa terzo. Fin oggi ha scherzato?». Al contrario, prosegue Sacchi, «​​i re sono allevati per quel ruolo, non si improvvisano tali. È qualcosa che studiano da bambini: come regolarsi, come essere ‘sul pezzo’ e presenti, come guadagnarsi l’autorevolezza. La madre di Frederik, la regina Margrethe, ha dato in più occasioni dimostrazione di essere saggia ed equilibrata, e l’affezione nei suoi confronti è certificata. Federico non farà eccezione». 

Margrethe di Danimarca lascia il consiglio di Stato dopo aver firmato la dichiarazione di abdicazione. Si tratta di una successione automatica, perché Frederik è figlio della regina abdicante. Pertanto, succede automaticamente alla madre, senza interventi di organi legislativi o assemblee che certificano il suo diritto. (via AP)

Conferme incontrovertibili dei consensi, oltre ai dati statistici, sarebbero le strade e le piazze gremite in occasione di un corteo reale, del funerale di una regnante o di un membro della famiglia, di un matrimonio. Secondo Sacchi, «la certificazione del funzionamento della monarchia è autocertificata. Poi si può avere un re più o meno brillante. Ma il negare che ci sia l’affezione dell’intera nazione, soprattutto guardando le foto dell’insediamento di Federico, è da falsari». A detta del presidente dell’U.M.I. la futura generazione di regnanti in Europa – William, Leonor di Spagna, Elisabeth del Belgio, Ingrid Alexandra di Norvegia, Caterina dei Paesi Bassi e Vittoria di Svezia – non deluderà le aspettative: «Io la vedo prospera». Nel caso dell’Italia, nessuno di noi è in grado di prevedere se mai accadrà qualcosa. Lo scetticismo è comprensibile ma, conclude Sacchi, «alla luce della passione che deve animare chi si occupa della Storia, caratterizzata da percorsi impensabili e passaggi assolutamente straordinari, per cui non domani, né dopodomani, nessuno più ipotecare il futuro, posso dire che il fatto che ci sia la repubblica non è un dato ineluttabile. La Storia ha più fantasia degli storici».

 

L'Unione Monarchica Italiana plaude al nuovo Re di Danimarca, che si propone di "unire", in armonia con l'operato degli altri sovrani al vertice di Monarchie Parlamentari. Al Sovrano gli affettuosi auguri dei monarchici italiani.

Roma, 14 gennaio 2024

Il Presidente Nazionale

Avv. Alessandro Sacchi

 

L’Unione Monarchica Italiana abbruna le Bandiere del Regno d’Italia per la scomparsa del Generale dei Carabinieri Umberto Rocca, Medaglia d’Oro al Valor Militare, ricordando con ammirazione l’Uomo, il Soldato e l’Eroe.

Riportiamo integralmente la motivazione della concessione della Medaglia d’Oro al Valor Militare:

<<Comandante in sede vacante, di compagnia distaccata, organizzava e capeggiava reiterati, rischiosi servizi per individuare il luogo di detenzione di noto industriale, sequestrato a scopo di estorsione in provincia limitrofa. Pervenuto, con tre suoi dipendenti, a un casolare isolato, e acquisita la certezza della presenza di malfattori e il sospetto di quella del rapito, dopo aver disposto i propri uomini in posizioni defilate, decideva di passare immediatamente all'azione onde sfruttare la sorpresa, per impedire ai delinquenti di nuocere all'ostaggio eventualmente presente. Benché nella improvvisa reazione fosse stato colpito in pieno da bomba a mano, che esplodendo gli asportava un braccio e lo rendeva cieco di un occhio, esortava il sottufficiale, accorso per recargli aiuto, a proseguire decisamente l'operazione che, dopo protratto e violento conflitto a fuoco, si chiudeva con l'uccisione di uno dei banditi appartenente a pericolosissima organizzazione eversiva armata e con la liberazione dell'ostaggio incolume. Sottoposto a prolungati e dolorosi interventi chirurgici, si imponeva all'ammirazione dei sanitari per stoicismo e per eccezionale forza morale, non cessando un istante dal manifestare la preoccupazione per i suoi uomini rimasti feriti, nonché il rammarico che le mutilazioni subite non gli consentissero di servire oltre l'Arma. Fulgido esempio di elette virtù militari ed eroica purissima fede. Arzello di Melazzo (Alessandria)>>
— 5 giugno 1975

M.O.V.M.Gen. Umberto Rocca