Roma, 18 marzo 2017 – In un affollatissimo Centro Congressi Cavour, l'Unione Monarchica Italiana, nel 34° anniversario della morte in esilio del Re Umberto II, ha organizzato un convegno per rendere omaggio al quarto Sovrano d'Italia.

Questa sera, 3 giugno 2015, alle ore 19.28, dopo breve e improvvisa malattia, presso il reparto di Medicina dell’Ospedale “Parodi Delfino” di Colleferro (RM), il Presidente Onorario U.M.I., nonché leader storico del monarchici italiani, Sergio Boschiero si è spento all’età di 79 anni.
A stargli accanto nelle ultime ore il Segretario nazionale U.M.I. Davide Colombo e il Presidente dell’Ospol Luigi Marucci, oltre agli amici più stretti.

Varese, 27 settembre 2014 - Gli organizzatori stessi non si aspettavano che il banchetto informativo dell'U.M.I., in una città roccaforte della Lega Nord come Varese, ottenesse tanto successo. Sin dalla mattina i varesini hanno richiesto e accolto con entusiasmo il materiale, i volantini, il FERT, il calendario dell’Unione Monarchica. Molte le richieste per la bandiera del Regno d'Italia che garriva da un lato del gazebo, collocato dai giovani del Fronte Monarchico Giovanile nel corso principale della città giardino.
    La comparazione tra i costi della nostra repubblica e quella delle Monarchie europee non ha lasciato indifferenti i passanti che si sono lasciati andare a considerazioni poco lusinghiere verso l’attuale sistema italiano. Indicativo che molti ragazzi ancora liceali si siano avvicinati con perplessità, non essendo abituati ad avere a che fare con i monarchici, e dopo un opportuno confronto abbiano preso in considerazione l’opzione monarchica, relegata fino a poco prima al mondo delle fiabe. Anche i giornalisti della stampa locale hanno trovato degna di nota l’iniziativa ed hanno dato spazio all’evento.
    Il gazebo è stato organizzato grazie all’entusiasmo dei giovani monarchici lombardi Francesco Cagnazzi, StefanoTerenghi e Andrea Zacchigna, affiancati dal Segretario nazionale U.M.I. Davide Colombo e dal Commissario straordinario F.M.G. Simone Balestrini. Graditissima è stata la partecipazione di Graziano Ballinari, noto protagonista della vita culturale varesina, che per tutta la giornata ha affiancato i ragazzi e presentato l’U.M.I. ai passanti.
Con l’occasione è stato recuperato del materiale storico dell’U.M.I. di Varese, dall’altissimo valore simbolico, conservato per decenni in una cantina. Grazie all’intervento di Agostino Savoia, già dirigente U.M.I., e del Presidente dell’Associazione “Varese per l’Italia” Luigi Barion, sono state consegnate al Segretario nazionale due labari dell’U.M.I. di Varese, un ritratto autografo del Re Umberto II con dedica alla nostra Associazione, le targhe U.M.I. e F.M.G. della storica sede di piazza XX Settembre, alcuni quadri e molte pubblicazioni degli anni ’50. ’60 e ’70.

VARESE: PIENO SUCCESSO PER IL GAZEBO MONARCHICO

 

Cervinara (AV) - Sabato 21 settembre 2013, presso la biblioteca del giornale “Il Caudino”, l’Unione Monarchica Italiana ha organizzato un convegno commemorativo della figura del Re Umberto II nel trentesimo anniversario della scomparsa. Dopo l’esecuzione di Fratelli d’Italia e della Marcia Reale, il Dott. Augusto Genovese, coordinatore irpino dell’U.M.I. nonché promotore dell’evento, ha aperto i lavori dando il benvenuto ai presenti e leggendo un messaggio del Presidente Onorario U.M.I. Giovanni Semerano. Sono intervenuti, portando il saluto, il Vicesindaco Dimitri Monetti, l’Assessore alla Cultura di Cervinara Francesco Viola e il Direttore vicario de “Il Caudino” Pasqualino Marro.
È intervenuto come oratore ufficiale il noto Avv. Gustavo Pansini, Professore emerito di Diritto Processuale Penale, il quale ha intrattenuto i presenti con un intervento brillante ed appassionato. Pansini ha affermato che se si volesse tracciare un profilo psicologico di Umberto II non si dovrebbe partire dalla sua infanzia come molti fanno, ma dovrebbe essere analizzato il suo comportamento in tarda età, durante i difficili anni dell'esilio, poiché è in quel periodo che emerse
la grandezza del quarto Sovrano d’Italia. Umberto II fu sempre ligio al dovere, rispettoso delle leggi e pronto ad anteporre al proprio benessere la salvezza della Patria; a testimonianza di ciò vi sono la sua partenza dall’Italia per evitare una guerra civile in seguito al referendum brogliato, la sua silenziosa e discreta permanenza in Portogallo nonostante un profondo desiderio di rivedere il suolo natio. Il convegno si è concluso con l’intervento del Presidente nazionale U.M.I. Alessandro Sacchi, il quale ha infiammanto la sala con un’approfondita critica all’istituzione repubblicana. Ha inoltre analizzato l’attuale Costituzione, evidenziando la principale contraddizione che vede la sovranità appartenere al popolo ma blinda la stessa Costituzione con l' articolo 139.
Erano presenti al convegno il Presidente regionale campano dell’U.M.I. duca Giannandrea Lombardo di Cumia, il Presidente dell’U.M.I. il Napoli Avv. Corrado Biondi, l’Avv. Domenico Crocco e Padre Andrea Davide Cardin dell’Abbazia di Montevergine

.

 


IL DUCA D'AOSTA A NAPOLI PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI JETTI SUL REFERENDUM

Lo scorso 22 novembre l'Unione Monarchica Italiana di Napoli ha organizzato la presentazione del libro “Il Referendum istituzionale (tra il diritto e la politica)” del Magistrato Guido Jetti sugli eventi del 1946 (Editrice Guida). Tanta gente nel grande salone dello storico palazzo Serra di Cassano in via monte di Dio, sede dell'Istituto italiano per gli studi filosofici; calorosi applausi ad una rappresentanza di cadetti della Scuola Militare della Nunziatella e a S.A.R. il Principe Amedeo di Savoia, accolto dal pubblico alzatosi in piedi. 

    I lavori sono stati aperti dal Presidente regionale U.M.I. per la Campania, Duca Giannandrea Lombardo di Cumia che, dopo aver fatto gli onori di casa e ringraziato gli intervenuti, ha letto i messaggi giunti dal Presidente della Consulta dei Senatori del Regno Aldo A. Mola, dal docente dell'Università di Palermo Professor Salvatore Bordonali, e dal Presidente nazionale U.M.I. Gian Nicola Amoretti.

S.A.R. il Principe Amedeo di Savoia a Napoli
    Sono seguiti gli interventi dell'Autore, Dott. Guido Jetti, del Vice presidente nazionale U.M.I. Avv. Alessandro Sacchi (organizzatore della manifestazione), del Segretario nazionale U.M.I. Sergio Boschiero e del Prof. Avv. Gustavo Pansini, che hanno spaziato dagliavvenimenti storici inerenti al referendum fino all'attualità.
    Folto e qualificato il pubblico intervenuto che ha visto la partecipazione di magistrati, importanti avvocati ed ufficiali militari.
    All'evento ha partecipato una numerosa delegazione del Club Reale “Savoia” di Corato, guidata dal coordinatore Rag. Oronzo Cassa.
    La presentazione è stata ripresa da Rai3 e da Canale 21, oltre che seguita da vari giornalisti della carta stampata.
    Al termine del convegno S.A.R. il Principe Amedeo di Savoia ha fatto dono al Dott. Guido Jetti di un tricolore del Regno d'Italia. Il gesto è stato vivamente apprezzato dai presenti.

 


SACCHI INTERVISTATO DAL "ROMA"

Alessandro Sacchi - intervista a "Roma" di mercoledì 20 gennaio 2010

 

In occasione della presetazione del libro di Guido Jetti a Napoli, il quotidiano napoletano "Roma" ha dedicato, nella pagina della cultura dell'edizione di merdoledì 20 gennaio 2010, una lunga intervista al Vice presidente nazionale U.M.I. Avv. Alessandro Sacchi.

 

GENOVA: PRESENTAZIONE DEL LIBRO "CHE COS'E' LA MONARCHIA" DI MAURIZIO DUCE CASTELLAZZO

Genova, 19 Maggio 2008 - presso la “Sala Barbarino” del Teatro della Gioventù si è tenuta la presentazione del libro “Che cos’è la Monarchia” del Prof. Maurizio Duce Castellazzo.
L’incontro, moderato dal Prof. Giulio Vignoli dell’Università di Genova, ha visto i preziosi interventi dello storico e giornalista Luciano Garibaldi, del Presidente Nazionale U.M.I. Avv. Gian Nicola Amoretti (che ha portato i saluti di Sergio Boschiero) e del Coordinatore Prov.le U.M.I. Dott. Arduino Repetto.
    L’interessante presentazione ha offerto tanti spunti di riflessione che, terminata la parte ufficiale della manifestazione, il pubblico si è intrattenuto intervenendo con numerose domande.
    Particolarmente gradita è stata la presenza dell’Avv. Antonio Sulfaro, che è stato uno dei fondatori dell’Unione Monarchica Italiana nel 1944. 
    Fra gli amici intervenuti ricordiamo la Contessa Giuliana Zoppi di Zolasco, Coordinatrice regionale dell’U.M.I., la Coordinatrice dell’U.M.I. di Sanremo Wilma Curti, l’Ing. Gianni Stefano Cuttica, il giornalista Mario Bozzi Sentieri e il dott. Pippo Tarò.
    Un particolare ringraziamento va a Giunio Lavizzari Cuneo, direttore del Teatro della Gioventù che ha ospitato il convegno.